Tutti a volte ci troviamo a soccombere a piccoli fastidi di varia natura, che cerchiamo di risolvere con il canonico aiuto di farmaci e medicinali. Non è sempre un bene però introdurre nell’organismo i composti chimici tipici dei farmaci, che possono causarci effetti collaterali oltre che assuefazione agli eccipienti.

Per risolvere alcuni problemi si può ricorrere all’aiuto di propizi ed efficaci rimedi naturali a base di piante ed erbe, migliori dei farmaci e senza effetti indesiderati. Un rimedio naturale forse ancora non considerato da molti a causa dei pregiudizi cui sottostà, è la cannabis light.

L’erba ha molte proprietà curative per l’uomo. Scopriamo insieme i benefici della marijuana legale per l’organismo.

Proprietà della marijuana legale

La cannabis light possiede molti benefici per l’organismo. Andiamo a scoprirli analizzando i suoi principali principi attivi. Foglie, semi e inflorescenze della pianta contengono due metaboliti, il tetraidrocannabidolo e il cannabidiolo, chiamati per brevità con le sigle THC e CBD.

Il THC è un metabolita psicoattivo il cui limite nella cannabis legale è fissato dalla legge al valore dello 0,2% o inferiore, parametro imprescindibile che rende la sostanza liberamente commerciabile. Dal punto di vista dei benefici per l’organismo il THC favorisce il rilascio della dopamina, l’ormone che contrasta lo stress, che provoca molti effetti come la sensazione di euforia, l’aumento dell’appetito e la sensazione di essere più rilassati.

Il CBD è invece un metabolita non psicoattivo dall’azione antiossidante, che contrasta i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cutaneo e della moltiplicazione cellulare anomala, causa della comparsa delle formazioni tumorali. Il CBD uccide il gene Id-1 del cancro al seno, il responsabile della diffusione delle metastasi.

Il CBD ha proprietà neuroprotettive, analgesiche, ansiolitiche, antidepressive, anticonvulsionanti, antidistoniche, antinfiammatorie e antipsicotiche. Questa sostanza aiuta la salvaguardia della vista e protegge gli occhi dalla comparsa di malattie degenerative della retina. Aiuta inoltre contro le emicranie, i dolori mestruali, rilassa corpo e mente.

Curare i disturbi con la marijuana legale

Quando utilizziamo la marijuana legale come rimedio naturale, le minime concentrazioni di THC apporteranno al nostro organismo in via esclusiva gli effetti dati dal cannabidolo che abbiamo descritto nel paragrafo precedente.

Possiamo quindi assumere cannabis light ad esempio come rimedio per i dolori mestruali al posto di prendere un farmaco antinfiammatorio. Presto i dolori scompariranno e avremo evitato di assumere medicinali magari poco efficaci e che hanno altri effetti collaterali come ad esempio far salire l’acidità di stomaco.

Chi soffre di emicrania e frequenti mal di testa può trovare sollievo da questi dolorosi e fastidiosi disturbi grazie alla marijuana legale, i cui principi aiutano il controllo del dolore riducendolo e di conseguenza fermando l’aumento degli attacchi di emicrania mensili.

I cannabinoidi sono strettamente correlati alla produzione della serotonina. Il sistema endocannabinoide regola diverse funzioni corporee e i fitocannabinoidi presenti nella marijuana possono legarsi ai recettori del sistema favorendo il controllo del dolore.