La cefalea tensiva viene catalogata come la più frequente forma di dolore, capace di coinvolgere una qualsiasi parte della testa.

Fra le tipologie di mal di testa questa è quella si manifesta più spesso con una percentuale che tocca addirittura il 90%. A caratterizzarla è un dolore costante e opprimente, quello che spesso identifichiamo come il classico ‘cerchio alla testa’. Parliamo di una sofferenza che può durare anche intere giornate, così come una mezz’ora laddove, scegliendo di trattare il dolore attraverso l’assunzione di farmaci consigliati dal medico, il dolore scompare o diminuisce notevolmente diventando sopportabile.

L’insorgere della cefalea può essere la conseguenza di cause patologiche quali stati di depressione cronica, stress o ansia. Non sono rari i casi in cui la cefalea tensiva si manifesta quale conseguenza di sforzi e attività fisiche intense, con il diretto coinvolgimento dei muscoli cervicali.

Chi soffre di questa patologia deve considerare che fra le cause che la determinano si può annoverare l’alimentazione, quindi i pasti e la digestione, con aumento o diminuzione dei sintomi sia nel caso in cui lo stomaco sia troppo pieno o, al contrario, troppo vuoto.

A scatenare il dolore da cefalea tensiva sono anche i problemi cervicali.

L’intensità dei sintomi, così come la maniera in cui si manifestano, varia da persona a persona. La cefalea tensiva infatti può essere cronica o episodica, a seconda di quante volte si presenta in un mese. Anche in tema di intensità la sensazione di dolore è diversa da soggetto a soggetto.

Come curare la cefalea tensiva

Quando sopraggiunge il mal di testa non vediamo l’ora che ci passi. Nonostante non siano ancora chiari i motivi scatenanti di questa patologia possiamo valutare alcuni rimedi considerando varie soluzioni su come curare la cefalea tensiva.

Prima di tutto vale la pena migliorare la condizione dei muscoli, soprattutto quelli cervicali, con esercizi specifici ed evitando accuratamente posture sbagliate. Se il dolore alla testa non è da imputare ai muscoli dovremmo focalizzare l’attenzione sul metabolismo, facendo si che funzioni al meglio.

Per la cura della cefalea può essere utile evitare inutili stress e nervosismo, il cui impatto si rivela deleterio in troppe occasioni.

Chi soffre di cefalea deve insomma cercare di migliorare in generale lo stato di forma, godendo della vita nella maniera più tranquilla e sana possibile. Può sembrare una banalità però il consiglio è davvero prezioso e, se personalizzato alla tipologia di vita individuale, può limitare l’incidenza del problema.

Riduciamo lo stress con la meditazione e limitiamo l’incedere della cefalea

Gli esercizi di meditazione contribuiscono a limitare eventuali stati di stress, e si rivelano utilissimi per curare la cefalea e il dolore che ne consegue, senza dover subire effetti collaterali di sorta. E’ sufficiente dedicare anche soltanto pochi minuti al giorno ad una pratica di meditazione per ottenere importanti benefici nella vita così come nel lavoro.

Per la buona riuscita della pratica è bene scegliere il momento giusto per potersi concentrare a dovere, in tutta tranquillità, isolandosi dal mondo ed allontanandosi almeno idealmente da interferenze esterne o distrazioni di qualsiasi genere.

La forza degli integratori: il magnesio, perfetto per curare la cefalea

Gli integratori vantano potenzialità interessanti anche nella cura della cefalea. Il magnesio, ad esempio, contribuisce a rilassare la muscolatura e regala un’azione benefica al tratto gastro intestinale. Motivi per cui si consiglia di provarlo se si soffre di cefalea tensiva.