La marijuana leggera, con le sue numerose proprietà benefiche, negli ultimi anni si sta rivelando un potente rimedio naturale contro alcune patologie psicofisiche. Ad oggi infatti, sono numerosi gli studi scientifici che dimostrano come una sua moderata assunzione possa migliorare lo stato di benessere di una persona.

Nella guida di oggi cercheremo di fare chiarezza su che cos’è la marijuana light, quali sono i suoi principi attivi e come può essere assunta. Ciò che oggi è sorprendente, infatti, è che il CBD (cannabidiolo) si trova alla base della composizione di diversi prodotti, realizzati per rispondere in modo più preciso alle esigenze dei consumatori.

Alla scoperta della cannabis legale

Per poter comprendere le qualità della marijuana light è necessario fare un passo indietro e partire dal principio. La Cannabis, nota anche come canapa, è una pianta che si costituisce di diverse sostanze, tra cui troviamo il THC (tetraidrocannabinolo) e il CBD (cannabidiolo), le più rilevanti. Queste due, infatti, sono quelle su cui si baserà tutto il nostro discorso.

Il primo si caratterizza per le proprietà psicoattive che, nel momento in cui interagiscono con il corpo, provocano sensazioni di rilassamento e variazioni nella percezione spazio-temporale. Questo è il motivo per cui la cannabis contenente elevati livelli di THC non può essere utilizzata a scopo terapeutico.

Dall’altra parte abbiamo il CBD, un cannabinoide privo di effetti psicoattivi e che anzi, interagendo con i recettori CB2, agisce sul sistema immunitario e su quello nervoso. In altre parole, questo cannabinoide non altera le funzioni cognitive, ma si occupa di stimolare la guarigione e di ridurre stati di stress, nervosismo, ansia, psicosi e molto, molto altro ancora.

Per quanto riguarda la sua assunzione, oggi è possibile affidarsi a molteplici tipologie di prodotti a base di cannabis legale. Parliamo degli hashish, degli olii e delle compresse. In alcuni casi è persino possibile trovare degli aromi a base di CBD destinati alle sigarette elettroniche.

Il prodotto deve essere scelto in base alle proprie esigenze, e tenendo in considerazione la modalità d’assunzione. Gli olii, per esempio, vanno assunti via sublinguale, le compresse ingerite e gli hashish si fumano. Infine, è bene tenere in considerazione il dosaggio, che anche in questo caso varia in base alla tipologia di prodotto in questione.

Prodotti a base di cannabis legale: Tutti i benefici

Come abbiamo potuto intuire, l’assunzione di CBD non produce gli stessi effetti del THC. Questo è il motivo per cui, ad oggi, al cannabidiolo vengono attribuite numerose proprietà benefiche. Tra quelle più note rientrano le proprietà analgesiche e antinfiammatorie, ma è altresì apprezzato per la capacità di contrastare gli stati di ansia.

Parliamo anche di quelle situazioni dove si presentino stati di insonnia, depressione e attacchi di panico. Altre proprietà importanti della marijuana leggera sono quelle antiemetiche, in grado di ridurre il malessere provocato da nausea e vomito.

Entrando in aree più sensibili, le proprietà antipsicotiche della cannabis legale la rendono una soluzione molto valida per trattare la schizofrenia, il disturbo bipolare e l’epilessia infantile (Fonte: Cannabinoid Research Initiative of Saskatchewan).